AREA FORNITORI AREA ENTI CONVENZIONI MERCATO ELETTRONICO
    Home > Area fornitori > FaQ
IL PROGETTO MERCURIO
REGOLAMENTO DEL SISTEMA
AREA ENTI
AREA FORNITORI
MERCATO ELETTRONICO
SERVIZI E-PROCUREMENT
Gare telematiche
Convenzioni
BANDI E AVVISI
MANUALISTICA
NORMATIVA E GIURISPRUDENZA
FAQ
RASSEGNA STAMPA
SITI DI INTERESSE
AREA RISERVATA ENTI
legal agreement and privacy policy
contattaci
Accedi ai Servizi e-Procurement
Torna alla Home page del sito
F.a.Q.(Frequently Asked Questions)

La sezione contiene informazioni utili, risposte immediate alle domande piu' frequenti.

Registrazione del Fornitore al Sistema
- Chi può registrarsi al Sistema?
- Perché registrarsi al Sistema?
- Come registrarsi al Sistema?
- Come modificare i propri dati anagrafici?
- Ogni quanto tempo va aggiornata la password per l'accesso al Sistema?
- Come fare in caso di password dimenticata o utenza bloccata a causa dei logon errati (max 7 tentativi)?

Il Mercato Elettronico della Provincia autonoma di Trento (ME-PAT)
- Chi può abilitarsi al ME-PAT?
- Perché abilitarsi al ME-PAT?
- Come abilitarsi al ME-PAT?
- Se un Fornitore è già abilitato ad una o più categorie merceologiche del Mercato Elettronico per inserire nel Mercato Elettronico beni e/o servizi rientranti in categorie merceologiche diverse da quelle per cui è abilitato, deve chiedere una nuova abilitazione?
- Se un fornitore è già iscritto nell'Elenco Telematico delle Imprese di cui all'art. 27 del D.P.G.P. 22 maggio 1991 n. 10/40 Leg deve comunque fare richiesta di abilitazione per poter offrire beni e/o servizi nel Mercato Elettronico?
- Quanto dura l'abilitazione al Mercato Elettronico?
- Cosa comporta l'abilitazione al Mercato Elettronico?
- Come avviene il caricamento del catalogo a Sistema?
- Qual è la procedura di vendita nell'ambito del Mercato Elettronico?
- Qual è la procedura per disabilitarsi dal ME-PAT per una o più categorie?

Il Negozio Elettronico delle Convenzioni
- Chi è abilitato al Negozio Elettronico?
- Quanto dura l'abilitazione al Negozio Elettronico?
- Cosa comporta l'abilitazione al Negozio Elettronico?
- Come avviene il caricamento dei beni e/o servizi nel Sistema?

Gare Telematiche
- Qual è la dimensione massima dei documenti da inserire a Sistema per l'offerta?
- Non si riesce a visualizzare un documento all'interno della gara?
- I campi o le stringhe bianche visibili a Sistema devono essere compilati tutti?
- Cosa si intende per "Termine Anteprima di gara"?
- Per problemi di natura tecnica chi devo contattare?
- Come richiedere chiarimenti in merito alla gara?
- E' possibile modificare un'offerta già presentata?

Firma Digitale
- All'apertura del documento firmato si visualizza il messaggio: "il file è danneggiato e non può essere riparato"
- All'apertura del file .pdf firmato con Adobe Reader (senza estensione .P7M) si visualizza il messaggio: "validità della firma è sconosciuta" oppure "identità del firmatario è sconosciuta"
- Quale Procedura di firma dell'elenco prezzi seguire se l'affidamento avviene con il criterio del prezzo più basso?
- Problemi di apertura dei file con estensione P7C
- Firma digitale multipla. Qual è la firma digitale corretta da apporre sui documenti di offerta, qualora l’Amministrazione chiede che siano firmati da più soggetti?
- Firma multipla parallela. Come firmare digitalmente un documento informatico con firma multipla parallela?

Registrazione Del Fornitore al Sistema

Chi può registrarsi al Sistema?
Tutti i fornitori che intendono utilizzare gli strumenti telematici messi a disposizione dalla Provincia autonoma di Trento.

torna sutorna su

Perché registrarsi al Sistema?
La registrazione è pre-requisito necessario per operare all’interno del Sistema, che mette a disposizione i seguenti strumenti: Gare Telematiche, Mercato Elettronico, Negozio Elettronico.

torna sutorna su

Come registrarsi al Sistema?
Per registrarsi al Sistema e quindi ricevere la User ID e la password (utenza) accedere all' "Area Registrazione Fornitore", selezionare il link "REGISTRAZIONE AL SISTEMA" e seguire le istruzioni ivi riportate. Nella procedura di registrazione è molto importante utilizzare la "Guida Operativa di registrazione del fornitore" scaricabile dal link sopra indicato.
ATTENZIONE: Dopo aver inserito i dati anagrafici ai fini della registrazione al Sistema e selezionato l'opzione "Invia richiesta", se si procede con l'inserimento delle Categorie/Certificazioni selezionando l'apposito link in alto a destra come suggerito dal programma si chiede l'inserimento nell'Elenco Telematico delle Imprese di cui all'art. 27 del D.P.G.P. 22 maggio 1991 n. 10/40 Leg.
Per abilitarsi al Mercato Elettronico è necessario uscire dal Sistema, attendere l'invio delle credenziali da parte del gestore del Sistema poi procedere come indicato nella sezione dedicata al Mercato Elettr

torna sutorna su

Come modificare i propri dati anagrafici?
E' sufficiente scaricare, compilare e inviare a mezzo fax al Gestore del Sistema (0461/800497) il Modulo "Integrazione/Modifica Dati anagrafici" disponibile nella sezione "Modulistica" dell'Area fornitori del Sito Mercurio.

torna sutorna su

Ogni quanto tempo va aggiornata la password per l'accesso al Sistema?
Il Sistema richiede una nuova password ogni 60 giorni o al momento dell'accesso, se trascorsi più di 60 giorni. La nuova password deve essere differente dalle 5 precedenti.

torna sutorna su

Come fare in caso di password dimenticata o utenza bloccata a causa dei logon errati (max 7 tentativi)?
Per richiedere l'assegnazione di una nuova password o lo sblocco dell'utenza, si deve scaricare, compilare e inviare al Gestore del Sistema a mezzo fax (0461/800497) o e-mail (mercurio@infotn.it) il modulo "Richiesta nuova password o sblocco utente" reperibile alla sezione "Modulistica" dell'Area fornitori del Sito Mercurio.

torna sutorna su

Il Mercato Elettronico della Provincia autonoma di Trento (ME-PAT)

Chi può abilitarsi al ME-PAT?
Le imprese registrate al Sistema in possesso dei requisiti di volta in volta richiesti dai singoli bandi di abilitazione.

torna sutorna su

Perché abilitarsi al ME-PAT?
L'abilitazione al ME-PAT consente al fornitore di pubblicare il proprio catalogo nella vetrina virtuale del Mercato Elettronico, per offrire i propri beni e/o servizi alle Amministrazioni e agli altri Enti e Società che, ai sensi del combinato disposto degli artt. 39 bis della L.P. 19 luglio 1990, n. 23 e 39 bis, commi 3 e 3 bis della L.P. 16 giugno 2006, n. 3, sono legittimati ad utilizzare il Mercato Elettronico della Provincia autonoma di Trento. Il Mercato Elettronico è uno strumento che consente di semplificare gli acquisti, di agevolare un confronto reale e tempestivo delle offerte, di aprire le P.A. al mondo delle Piccole e Medie Imprese e, per i fornitori, di acquisire una maggiore comprensione delle dinamiche della domanda di beni e servizi della P

torna sutorna su

Come abilitarsi al ME-PAT?
Per abilitarsi al MEPAT è necessario essere registrati al Sistema. Dopo aver ricevuto l'utenza per l'accesso, entrare nell' "Area Registrazione fornitore", selezionare il link "ABILITAZIONE AL MERCATO ELETTRONICO (ART. 30 D.P.G.P. 22 MAGGIO 1991 N. 10-40/LEG)" e seguire le istruzioni. Nella sezione "Modulistica" dell'Area fornitori è disponibile la "Guida operativa di abilitazione fornitore". Per assistenza tecnica nella procedura di abilitazione è possibile contattare il Gestore del Sistema al numero di telefono 0461 800786 o all'indirizzo: mercurio@infotn.it.

torna sutorna su

Se un Fornitore è già abilitato ad una o più categorie merceologiche del Mercato Elettronico per inserire nel Mercato Elettronico beni e/o servizi rientranti in categorie merceologiche diverse da quelle per cui è abilitato, deve chiedere una nuova abilitazione?
Si. L'abilitazione vale per la sola categoria merceologica per la quale si è presentata richiesta.

torna sutorna su

Se un fornitore è già iscritto nell'Elenco Telematico delle Imprese di cui all'art. 27 del D.P.G.P. 22 maggio 1991 n. 10/40 Leg deve comunque fare richiesta di abilitazione per poter offrire beni e/o servizi nel Mercato Elettronico?
Si. L'iscrizione all'Elenco Telematico delle Imprese ha validità ai soli fini di cui agli artt. 27 e 28 del D.P.G.P. 22 maggio 1991 n. 10/40 Leg (Gare Telematiche).

torna sutorna su

Quanto dura l'abilitazione al Mercato Elettronico?
L'abilitazione ha la durata prevista dai relativi bandi.

torna sutorna su

Cosa comporta l'abilitazione al Mercato Elettronico?
A seguito di abilitazione al Mercato Elettronico il fornitore è autorizzato a pubblicare il proprio catalogo relativo ai prodotti rientranti nella categoria merceologica per la quale ha chiesto l'abilitazione.
Il catalogo va pubblicato, pena la decadenza dall'abilitazione, entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di abilitazione.
Contestualmente il fornitore si assume i doveri previsti dai "Criteri e modalità di utilizzo del Mercato Elettronico della Provincia Autonoma di Trento".

torna sutorna su

Come avviene il caricamento del catalogo a Sistema?
Dopo aver ottenuto l'abilitazione al Mercato Elettronico il fornitore procede al caricamento con le modalità previste nella "Guida operativa di abilitazione fornitore" scaricabile dal sito Mercurio alla sezione "Area fornitori/Manualistica Mercato Elettronico"
Per assistenza tecnica nella procedura di caricamento del catalogo è possibile contattare il Gestore del Sistema al numero di telefono 0461 800786 o all'indirizzo: mercurio@infotn.it.

torna sutorna su

Qual è la procedura di vendita nell'ambito del Mercato Elettronico?
A partire dalla pubblicazione del catalogo, i fornitori vendono i loro beni e/o servizi rispondendo ad un Ordine diretto o effettuando un'offerta a seguito di Richiesta di Offerta.
La procedura è interamente gestita in via informatica attraverso il Sistema di e-procurement della Provincia autonoma di Trento.
Dal sito Mercurio alla sezione "Area fornitori/Manualistica Mercato Elettronico" è possibile scaricare le guide operative sulla risposta del fornitore all'Ordine diretto e alla RdO.
Per assistenza tecnica nella procedura è possibile contattare il Gestore del Sistema al numero di telefono 0461 800786 o all'indirizzo: mercurio@infotn.it.

torna sutorna su

Qual è la procedura per disabilitarsi dal ME-PAT per una o più categorie?
Per disabilitarsi dal MEPAT è necessario compilare, firmare digitalmente e inviare all'APAC, tramite PEC all'indirizzo apac@pec.provincia.tn.it, il modulo "Richiesta disabilitazione dal ME-PAT" scaricabile dal sito Mercurio alla sezione "Area fornitori/Modulistica".
Il modulo va inviato per conoscenza al Gestore del Sistema all'indirizzo assistenza.mercurio@pec.infotn.it.

torna sutorna su

Il Negozio Elettronico delle Convenzioni

Chi è abilitato al Negozio Elettronico?
Il fornitore aggiudicatario di una gara d'appalto esperita dall'APAC nell'ambito delle sue competenze di centrale di committenza e che, in esito alla stessa, ha stipulato una Convenzione con la medesima Agenzia.

torna sutorna su

Quanto dura l'abilitazione al Negozio Elettronico?
L'abilitazione ha la durata prevista dalla Convenzione.

torna sutorna su

Cosa comporta l'abilitazione al Negozio Elettronico?
Il fornitore si impegna ad accettare ordinativi di fornitura emessi dalle singole Amministrazioni alle condizioni previste nella Convenzione stessa fino al raggiungimento del quantitativo massimo previsto.

torna sutorna su

Come avviene il caricamento dei beni e/o servizi nel Sistema?
L'APAC provvede ad inserire nel Negozio Elettronico i beni e/o i servizi oggetto di Convenzione.

torna sutorna su

Gare Telematiche

Qual è la dimensione massima dei documenti da inserire a Sistema per l'offerta?
A sistema possono essere inseriti più allegati. La dimensione massima di ogni allegato è di 4 Mb (MegaByte)

torna sutorna su

Non si riesce a visualizzare un documento all'interno della gara?
Attenzione, stai utilizzando un browser di navigazione che non risulta tra i requisiti per la navigazione a Sistema.

torna sutorna su

I campi o le stringhe bianche visibili a Sistema devono essere compilati tutti?
No, a Sistema è obbligatorio compilare almeno i campi richiesti nel disciplinare di gara o secondo le indicazioni più generiche fornite nella manualistica per il fornitore.

torna sutorna su

Cosa si intende per "Termine Anteprima di gara"?
Questo termine scandisce il momento a partire dal quale è possibile inviare a Sistema la propria offerta; prima di tale periodo è possibili predisporre a Sistema una bozza di offerta (offerta "in attesa")

torna sutorna su

Per problemi di natura tecnica chi devo contattare?
E' attivo il Customer Service Desk (CSD) al numero 0461-800786; in particolare si consiglia di comunicare con precisione i propri dati e i problemi rilevati per permettere al Gestore del Sistema di ricontattarvi il prima possibile.

torna sutorna su

Come richiedere chiarimenti in merito alla gara?
E' disponibile a Sistema una transazione che permette l'invio della richiesta di chiarimenti e la lettura delle risposte. I chiarimenti dovranno essere richiesti entro e non oltre la data/ora inserita a Sistema e secondo le istruzioni reperibili in tutti i manuali per il fornitore.

torna sutorna su

E' possibile modificare un'offerta già presentata?
Si. E' possibile presentare una ulteriore offerta che si sostituirà alla precedente purchè il termine di presentazione della stessa non sia già trascorso.

torna sutorna su

Firma digitale

Errore durante l'apertura del documento firmato: il file è danneggiato e non può essere riparato

Nel caso in cui sulla propria postazione non sia installato alcun software per la lettura di file con estensione .p7m, situazione che si verifica tipicamente quando si utilizzano dispositivi portatili per la firma (ad esempio: business key di infocert, aruba key…) aprendo il file firmato con un semplice doppio clic può presentarsi il seguente errore.

Questo messaggio, nel caso di file con estensione .p7m , è dovuto al fatto che Adobe Reader non riesce ad aprire il file, per la precisione non riesce ad estrarre il file originale dal file firmato.
E' pertanto necessario procedere in uno dei modi che descriveremo; qualora sia stato installato sulla propria postazione locale un programma per la gestione dei file firmati occorre specificare il programma con cui aprire il file, in questo caso "Applicazione Dike 5".

Qualora invece non comparisse alcun programma noto nella lista sopra citata, oppure qualora si utilizzasse un dispositivo di firma portatile che non prevede alcuna installazione sulla postazione, si consiglia di aprire il programma di gestione della firma e selezionare il file che si desidera aprire.
Ad esempio utilizzando la business key si procede inserendo la business key, avviando il programma e selezionando il file firmato da aprire.

Analogo metodo funziona con il dispositivo Aruba Key.

Sarà sufficiente cliccare su verifica, selezionare il file desiderato e nella finestra di verifica del file che si apre cliccare su "Apri contenuto".

torna sutorna su

Errore all'apertura del file .pdf, firmato con Adobe Reader e quindi senza estensione .P7M: "validità della firma è sconosciuta" oppure "identità del firmatario è sconosciuta perché non è stata inclusa nell'elenco dei certificati affidabili e nessuno dei suoi certificati principali è un certificato affidabile".

Qualora il disciplinare di gara preveda l'aggiudicazione con il criterio del prezzo più basso determinato mediante offerta a prezzi unitari ai sensi dell'art. 39, comma 1 lettera a), della L.P. 26/93 e ss.mm., all'interno della documentazione di gara si troverà il file denominato "Lista della lavorazioni e forniture". Tale file, con estensione .PDF, contiene le firme digitali e i relativi certificati del Dirigente del "Servizio Competente" e del Dirigente della "Stazione Appaltante"...
All'apertura del file .pdf, firmato con Adobe Reader e quindi senza estensione .P7M, a seconda delle versioni di Adobe Reader, potrebbero comparire messaggi di avvertimento quali:
La validità della firma è sconosciuta,
L'identità del firmatario è sconosciuta perché non è stata inclusa nell'elenco dei certificati affidabili e nessuno dei suoi certificati principali è un certificato affidabile.

Questi controlli sono tipici di Adobe Reader e cambiano a seconda della versione, si consiglia, qualora si volesse verificare le firme presenti nel documento, di aprire il file con il proprio programma di firma (seguendo la procedura illustrata nel punto precedente).
In questo caso l'esito della firma sarà simile a quanto riportato:

Nel particolare il campo "Esito Verifica" riporta Firma PDF OK, e nei campi successivi si possono verificare i dati del firmatario. Qualora fossero apposte più firme pdf saranno presenti più righe, una per ogni firmatario.

Attenzione! Non sempre i programmi di firma rilevano le firme .PDF apposte: in questo caso i controlli pdf potranno essere ignorati dalle imprese in quanto già verificati dalla Stazione Appaltante.

A questo punto si può procedere con la compilazione del modulo "lista delle lavorazioni e forniture" e l'apposizione della firma del legale rappresentante dell'impresa, (facendo attenzione ad apporre la firma in formato .p7m).

Come indicato nel disciplinare di gara:
"Alla fine del processo di firma, il file in formato .P7M che sarà allegato all'offerta dovrà contenere:

  • il modulo PDF debitamente compilato dal concorrente, comprensivo delle due firme successive in formato PAdES-T (.PDF) del Dirigente del Servizio Competente e del Dirigente della Stazione Appaltante, con i relativi certificati di sottoscrizione;

  • la firma dell'impresa invitata e, in caso di R.T.I., la/le firma/e dell'impresa/e mandante/i in formato CAdES-T (.P7M), apposta sul file .PDF debitamente compilato, con il relativo certificato di sottoscrizione."

torna sutorna su

Come verificare che il file in formato .P7M contenga il modulo PDF compilato e comprensivo delle firme del Dirigente del Servizio Competente e del Dirigente della Stazione Appaltante?

Prima di tutto accertarsi che la procedura di firma abbia rispettato quanto sotto indicato:

  1. download del file e verifica delle firme dei Dirigenti,
  2. compilazione del modulo e salvataggio,
  3. firma del file,
senza alcuna altra manipolazione non prevista.

Dopo la firma del modulo debitamente compilato si otterrà un file in formato .P7M, e per la verifica della presenza delle firme dei dirigenti e dei relativi certificati si procedere come segue:

Aprendo il file con il proprio programma di firma si otterrà una situazione simile a questa:

La verifica del file .P7M rileva solo l'ultima firma apposta (o le ultime firme apposte se il modulo compilato è firmato da più soggetti – R.T.I.). Le firme dei dirigenti della pubblica amministrazione non compariranno in questo primo step di verifica.
Per aprire il modulo compilato cliccare su "Visualizza Documento" o "Apri contenuto", o pulsante analogo a seconda dei programmi di firma utilizzati,.
Al fine di verificare la permanenza delle firme e dei relativi certificati dei Dirigenti, scorrere il modulo fino ai due riquadri riportanti i nominativi degli stessi e accertarsi che passando il cursore del mouse sulle firme il puntatore assuma la forma della mano indicando che il campo è interattivo. Cliccando si aprirà la pop-up relativa al certificato di firma.

Attenzione che anche in questa pop-up a seconda della versione di Adobe Reader potrebbero comparire i messaggi di avvertimento che sono già stati trattati nel punto 1. Cliccando su proprietà firma sarà possibile verificare i dati di dettaglio della firma apposta.

In ogni caso l'ultima verifica che può essere fatta, e che in caso di esito positivo non lascia alcun dubbio, è quella di salvare il modulo pdf compilato così ottenuto e verificarlo nuovamente con il programma di firma.

Analogamente questo processo può essere seguito con il dispositivo Arubakey; dopo aver apposto la firma P7M la verifica del file mostrerà solo le ultime firme apposte nella buste P7M. In questo caso si può verificare la presenza delle firme dei dirigenti nel modulo compilato cliccando sul pulsante "apri contenuto" che aprirà come già visto precedentemente il file pdf dove si potrà verificare l'interattività delle firme (cliccando sul pannello delle firme dovrà aprirsi la pop-up con le informazioni di firma). Eventuali messaggi di warning come quelli presenti nella pop-up potranno essere ignorati in quanto dipendenti da Adobe Reader.

torna sutorna su

Procedura di firma dell'elenco prezzi qualora l'affidamento avvenga con il criterio del prezzo più basso

Qualora l'affidamento avvenga con il criterio del prezzo più basso determinato mediante massimo ribasso ai sensi dell'art. 39, comma 3 della L.P. 26/93 e ss.mm., all'interno della documentazione di gara si troverà il file denominato "Elenco prezzi". Tale file, con estensione .pdf.p7m, è firmato digitalmente dal Dirigente del "Servizio Competente" e dal Dirigente della "Stazione Appaltante".
Il file denominato "Elenco prezzi" deve essere firmato dal legale rappresentante assicurandosi di firmare il file già firmato dai dirigenti sopra citati.
Le operazioni da effettuare sono:
salvare il file di cui sopra sul proprio computer;
accedere al proprio software di firma digitale;
selezionare il file "elenco prezzi" che ha estensione .pdf.p7m, precedentemente salvato sul proprio PC;
attivare la funzione del software di firma che permette di apporre la propria firma sul file selezionato;
Alla fine del processo di firma, il file che sarà allegato all'offerta dovrà contenere il certificato con tre firme successive: quella del Dirigente del Servizio Competente, quella del Dirigente della Stazione appaltante e quella del concorrente.

torna sutorna su

Problemi di apertura dei file con estensione P7C

A seconda del sistema operativo della postazione potrà capitare che i file firmati in formato P7M possano essere scaricati con l'estensione P7C la cui apertura potrà presentare problemi.
Questo caso potrà essere risolto semplicemente rinominando il file modificando l'estensione: ad esempio passando da "nomefile.pdf.p7c" a "nomefile.pdf.p7m"

Nella modifica del nome del file potrebbe presentarsi il caso in cui l'estensione non sia né modificabile né visibile. Nell'immagine sottostante l'estensione P7C, deducibile dall'icona caratteristica dei file firmati non è visualizzata e quindi non può essere modificata.

Per superare questo problema cliccare sul menù "Organizza" in alto a destra, selezionare poi "Opzioni cartella e ricerca" e nella finestra "Visualizzazione" della pop-up che si apre deselezionare l'opzione "Nascondi le estensioni per i tipi di file conosciuti", cliccare infine applica. A questo punto cercando di modificare il nome del file anche l'estensione sarà editabile.

torna sutorna su

Firma digitale multipla. Qual è la firma digitale corretta da apporre sui documenti di offerta, qualora l'Amministrazione chiede che siano firmati da più soggetti?

Nel caso sia obbligatoriamente richiesto che i documenti di offerta (gli allegati all'offerta e/o il documento di sintesi) siano firmati digitalmente da più soggetti (ad esempio il caso di Associazione Temporanea d'Impresa), le firma digitali devono essere apposte sul documento nella modalità di "firma multipla parallela".
La procedura di presentazione dell'offerta, che prevede la firma digitale del documento di sintesi, è garantita solo nel caso in cui le firme siano apposte sul documento di sintesi in modalità di firma multipla parallela. Non è garantito, invece, il funzionamento della procedura di firma del documento di sintesi, nella modalità di firma multipla concatenata (embedded).
Nella modalità di firma multipla parallela ogni firmatario aggiunge semplicemente la propria firma ad un'unica busta contenente il file originale.
Nella modalità di firma multipla concatenata (embedded) ogni firmatario firma il file firmato dal precedente firmatario. In questo caso i controlli di sistema non permettono di caricare il documento di sintesi.

torna sutorna su

Firma multipla parallela. Come firmare digitalmente un documento informatico con firma multipla parallela?

Nel caso sia obbligatoriamente richiesto che i documenti di offerta (tra cui anche il documento di sintesi) siano firmati digitalmente da più soggetti, le firma digitali devono essere apposte sul documento nella modalità di firma multipla parallela.

Non tutti i software di firma digitale permettono all'utente di specificare la tipologia di firma da apporre al documento.

Ad esempio utilizzando il software Dike, liberamente scaricabile dal web, le uniche possibilità di scelta sono tra firma e controfirma. L'unica tipologia di firma digitale attivabile dal software Dike (pulsante "Firma") è quella della "firma parallela" senza il bisogno di specificare altro.

Esistono alcuni software di firma digitale che richiedono all'utente di specificare la tipologia di firma da apporre sul documento informatico.
Ad esempio utilizzando il software installato a bordo della chiavetta di Aruba (Aruba key), trascinando il documento già in precedenza firmato sul pulsante "Firma", all'utente viene richiesto di specificare la tipologia di firma multipla che si intende apporre, scegliendo tra le due modalità previste.

Nel caso in cui i documenti di offerta (allegati e/o documento di sintesi) debbano essere firmati da più soggetti, la procedura garantita dal sistema informatico prevede necessariamente che l'utente selezioni l'opzione di "Firma Multipla".
Nella schermata successiva l'utente è tenuto a confermare l'apposizione della firma cliccando sul pulsante evidenziato "Aggiungi firma".

Anche il software di firma digitale "File Protector", liberamente scaricabile dal web, richiede all'utente di specificare la tipologia di firma da apporre sul documento informatico. In questo caso, dopo aver selezionato il file che si intende firmare, se il programma rileva sul documento informatico delle firme digitali apposte in precedenza, viene chiesto all'utente di procedere, selezionando espressamente l'opzione di firma desiderata.

Nel caso in cui i documenti di offerta (allegati e/o documento di sintesi) debbano essere firmati da più soggetti, la procedura garantita dal sistema informatico prevede necessariamente che l'utente selezioni l'opzione di "Firma interna" e quindi proceda cliccando sul pulsante "Aggiungi firma".

torna sutorna su

 

In Primo Piano
Verifica i requisiti di Sistema
Prima di utilizzare gli strumenti di Acquisto verifica i requisiti di Sistema.
Per problemi contattare il Gestore del Sistema o consulta i requisiti richiesti.
| Requisiti di Sistema | Download |
Elenco categorie merceologiche elenco fornitori
Per lo svolgimento di gare telematiche per l’affidamento di forniture e servizi le Amministrazioni possono avvalersi dell’elenco fornitori previsto all’art. 27 D.P.G.P. 22 MAGGIO 1991 N. 10-40/LEG, per cui sono presenti le seguenti categorie merceologiche.
Avvisi
 A partire dal 23 luglio 2014 saranno attive per le Amministrazioni le nuove funzionalità per la gestione delle procedure di acquisto mediante gare telematiche e RDO per l'affidamento di forniture, servizi e lavori pubblici. Attraverso la consultazione della Nota sintetica è possibile avere evidenza dei passi operativi da compiere per l'utilizzo delle nuove funzionalità. Per maggiori dettagli sono disponibili le Guide operative nell'Area Enti, alla sezione "Manualistica e FaQ".
 Si informano le imprese iscritte al sistema Mercurio che, a seguito degli aggiornamenti operati sul sistema, per tutte le procedure di gara pubblicate a partire dal 23 luglio 2014 diventa obbligatoria la firma digitale sui documenti presentati.
 E' attiva la nuova procedura semplificata di registrazione delle imprese al sistema Mercurio e di modifica dei dati anagrafici.
Nell'Area di registrazione è presente la nuova modulistica e la Guida operativa di registrazione.